Friendly Print | Contatti  | RSS |  Mappa

Comitato interuniversitario

Base dati ed editoria in rete

Il Ciber -> Chi Siamo -> Breve storia

  Il Coordinatore
  Staff
  Come aderire
  Regolamento
   Breve storia

BREVE STORIA

II progetto che ha dato vita al CIBER nasce dall'esigenza delle Università e del  consorzio CASPUR di condividere l'acquisizione e l'accesso in rete a risorse bibliografiche e documentarie al fine di mettere a disposizione dei propri utenti il maggior numero di risorse, riducendo i costi.
La realizzazione di tale progetto ha previsto un periodo di sperimentazione per tutte le Università del CASPUR ad eccezione dell' Università di Lecce che aveva ed ha un servizio già da tempo consolidato.
La sperimentazione infatti  si è appoggiata sull'esperienza maturata dal Coordinamento dei Servizi Informatici Bibliotecari di Ateneo SIBA dell'università di Lecce che ha già installato da tempo propri server per la consultazione di CD- ROM bibliografici in rete.
Il periodo di prova (da gennaio ad agosto 1998) si è concluso con l'attivazione del servizio e con la sperimentazione di diverse banche dati.
Il progetto ha previsto l'utilizzo di server in modalità distribuita (presenti presso l'Università di Lecce, "La Sapienza" di Roma e CASPUR) e ha ampliato le possibilità di accedere all'informazione bibliografica e fattuale, con modalità di ricerca amichevoli sia per l'utente finale che per il ricercatore esperto; inoltre il progetto attraverso la condivisione delle risorse ha conseguito una notevole riduzione dei costi, l'ottimizzazione del servizio al pubblico e ha facilitato la gestione burocratico-amministrativa.
Le basi di dati incluse nella sperimentazione iniziale hanno compreso uno spettro disciplinare abbastanza ampio e articolato, in modo da soddisfare le esigenze informative della maggior parte della comunità scientifica.
Sono stati autorizzati alla consultazione delle basi di dati: docenti, ricercatori, studenti,  bibliotecari e personale tecnico ed amministrativo delle 5 Università consorziate.
Ai responsabili bibliotecari sono state assegnate username e password affinchè le comunicassero agli utenti dei propri atenei e promuovessero la sperimentazione attraverso numerose dimostrazioni sul contenuto e sull'utilizzo delle basi dati, organizzate su base disciplinare.
Le attività di promozione del  progetto hanno previsto la presentazione dello stesso presso gli atenei parte  del consorzio. E' stata creata una lista di discussione accessibile via web e sperimentate le seguenti soluzioni: ERL (SilverPlatter), Ovid Technologies, su server installati presso Lecce, Roma1 e CASPUR e Winframe + Tatoo per banche dati non disponibili in versione SilverPlatter e Ovid Technologies.
Sono state sperimentate inoltre su server remoti: l' Engineering Information Village,  EBSCO.
La realizzazione della sperimentazione è stata possibile grazie alla collaborazione di:

Per la descrizione più dettagliata del Progetto, consultare:

www.localroot.net